« Home Page | « Altre Curiosità
01 Aprile 2011 · ASI: note esplicative circa il D.M. 17/12/2009
    
 

Facendo seguito ai dubbi sorti in merito alle note esplicative circa il D.M. 17/12/2009 pubblicato sulla G.U. IL 19/03/2010, Ti allego un’integrazione delle stesse, nella speranza che questa chiarisca i punti oscuri relativi alle prime.
Lo Stato prevede trattamenti agevolati per i veicoli di interesse storico e collezionistico.
1 - In materia fiscale
• Con la L. 342/2000 art. 63 che dispone l’esenzione o il trattamento agevolato per i veicoli di particolare interesse storico o collezionistico che abbiano compiuto i 20 anni e siano iscritti nei registri ASI cui rilascia l’Attestato di Storicità o FMI (per le motociclette).
• Con la L. 289/2002 art. 18 che prevede la reiscrizione nei Pubblici Registri, previo pagamento delle tasse arretrate (maggiorate del 50%) fino ad un massimo di 3 annualità, con il mantenimento delle targhe e documenti originari.
2 - In materia di circolazione
Con il D.M. 17 dicembre 2009 pubblicato sulla G.U. del 19 marzo 2010 che prevede il rilascio del Certificato di Rilevanza Storica da parte di ASI, FMI (per le moto) e i Registri FIAT, Alfa Romeo e Lancia, presupposto per la classificazione di veicolo di interesse storico e collezionistico e necessario per:
• la reimmissione in circolazione dei veicoli di interesse storico e collezionistico,
• e la loro revisione, biennale, con applicazione di norme che rispettano la loro storicità, contenute nel D.M., nella Circolare 4 ottobre 2010 n. 79260 e nei loro allegati (in caso contrario la revisione viene effettuata rispettando le norme vigenti per i veicoli ordinari).
**********
Il D.M. è entrato in vigore il 20.03.2010 e provvede per il futuro.

Pertanto:
I veicoli dichiarati di interesse storico e collezionistico prima del 19.03.2010 tali rimangono e mantengono i diritti acquisiti se sui loro documenti di circolazione compare tale classificazione e se sono stati dichiarati tali dagli enti competenti e i documenti attestino tale qualifica.
Per i veicoli ASI i documenti che li qualificano come storici, sono il C.d.I. e l’ Attestato (V. Circ. 4 ottobre 2010 2.2.4.1 lett. a).
Dal 20.03.2010 l’ASI, per fini interni, rilascia ancora il C.d.I. che da solo non è sufficiente per qualificare un veicolo di interesse storico e collezionistico ai fini pubblicistici.
Poiché la verifica fatta per il rilascio di tale documento è più severa rispetto alle altre, a coloro che lo richiedono con apposita domanda, l’ASI contestualmente rilascia anche l’Attestato di Datazione e Storicità (ai fini fiscali) e il C.R.S. (ai fini circolatori).
Ai fini assicurativi
Possono valere alternativamente tutti e tre i certificati (C.D.I. - C.R.S. - A.d.S.) in funzione della richiesta fatta dalle compagnie assicuratrici e dal valore che esse attribuiscono agli stessi.
Attenzione. Devono comunque essere tutti documenti rilasciati da Associazioni Competenti, nella loro materia e campo di applicazione, perché riconosciute dallo Stato. In particolare:
• ASI è competente alla classificazione e al rilascio di tutti i documenti per tutti i veicoli, sia per motivi fiscali che di circolazione;
• FMI: solo per i motoveicoli, sia per motivi fiscali che di circolazione;
• I Registri Nazionali: solo per motivi di circolazione e per i veicoli di loro competenza.
Nessuna altra associazione può rilasciare documenti riconosciuti dallo Stato.


Torino, 19/01/2011
IL PRESIDENTE
Avv. Roberto LOI

 

 
Historic Club Schio  cas. postale 156 - 36015 Schio (Vicenza) info@historic.it - C.F. 92007370247
Segreteria Operativa Schio - Martedi e Mercoledi 9,00/12,00 - Giovedì 15,00/18,30 - Via Veneto 2/C Z.I - Tel./Fax 0445 526758
Uff. di Vicenza c/o ACI Vicenza - Martedi 09,00/16,00 - Via E. Fermi 233 (1° piano) VI - Cell. 348 6359282
Info Tecniche ASI Schio Primo Mercoledi mese 21,00/22,30 Sede Historic Palasport Campagnola
Info Eventi/Raduni - mail: eventi@historic.it
- Per informazioni o disdette il giorno dell'evento - Cell. 348 6359282