Immagine
Curiosità sul trenino "Vaca mora"
Alessandro Rossi
Il progetto di una rete ferroviaria di "montagna"
Le linee ferroviarie dell' Altovicentino
La chiusura delle tratte ferroviarie
Tipi di locomotive utilizzate
La cicloturistica "Vaca mora"
La tratta Piovene Rocchette - Asiago

 

 

Alessandro Rossi (Schio, 21 novembre 1819 – Santorso, 28 febbraio 1898), imprenditore e politico italiano.

 

Fin da piccolo, Alessandro ebbe modo di conoscere le attività del Lanificio Rossi, fondato a Schio dal padre Francesco nel 1817. Questa industria segnò la vita del giovane Alessandro e quando; dopo la morte del padre nel 1848, fu alla guida della Lanerossi, riuscì a trasformarla in breve tempo, in una delle maggiori industrie laniere nazionali. La maestria imprenditoriale di Alessandro non si limitava all’ambito economico-produttivo (gli investimenti per aumentare la capacità produttiva dell’azienda, l’introduzione di innovazioni tecniche, il potenziamento degli impianti esistenti e la costruzione di nuovi, ecc.), rivelò anche una particolare sensibilità verso i “suoi” lavoratori e il sociale (la costruzione dell’asilo per i figli dei dipendenti, il teatro Jacquard con annesso giardino, il quartiere operaio con spazi verdi e la scuola elementare, ecc.). Alessandro Rossi intraprese anche l’attività politica: nel 1866 fu eletto deputato e quattro anni più tardi senatore, facendosi portavoce degli interessi industriali e facendo della sua Lanerossi un punto di riferimento per tutta l’economia italiana. Ed è proprio in questa ottica che dagli anni ’70 del 1800 si fa promotore della costruzione di una serie di vie di comunicazione stradale e ferroviaria dell’Altovicentino. Sarà proprio questa rete di comunicazioni a dare il definitivo impulso all’espansione dell’economia di tutta questa zona, permettendo collegamenti rapidi e più sicuri sia per le merci che per i passeggeri, poi.

 

La grande passione verso il “modernismo” di Alessandro fu raccolta dal figlio Gaetano, il quale il 2 gennaio 1893 divenne il possessore della prima automobile circolante in Italia, una "Peugeot Type 3".

 

Il Monumento ad Alessandro Rossi, commissionato dalla sua famiglia ed inaugurato a Schio il 12 ottobre 1902, è diventato presto una sorta di omaggio, motivo di orgoglio e segno di gratitudine condiviso dagli stessi suoi concittadini, e non solo.

 

Nella Foto:  Il Senatore Alessandro Rossi artefice dei collegamenti ferroviari dell’Altovicentino. Biblioteca Civica di Schio. Ed. Bonomo

 

 


Atto costitutivo della Società Anonima per le ferrovie economiche di Schio, Biblioteca Civica di Schio. Ed. Bonomo

 

 

 
Historic Club Schio  cas. postale 156 - 36015 Schio (Vicenza) info@historic.it - C.F. 92007370247
Segreteria Operativa Schio - Martedi e Mercoledi 9,00/12,00 - Giovedì 15,00/18,30 - Via Veneto 2/C Z.I - Tel./Fax 0445 526758
Uff. di Vicenza c/o ACI Vicenza - Martedi 09,00/16,00 - Via E. Fermi 233 (1° piano) VI - Cell. 348 6359282
Info Tecniche ASI Schio Primo Mercoledi mese 21,00/22,30 Sede Historic Palasport Campagnola
Info Eventi/Raduni - mail: eventi@historic.it
- Per informazioni o disdette il giorno dell'evento - Cell. 348 6359282