Immagine
Curiosità sul trenino "Vaca mora"
Alessandro Rossi
Il progetto di una rete ferroviaria di "montagna"
Le linee ferroviarie dell' Altovicentino
La chiusura delle tratte ferroviarie
Tipi di locomotive utilizzate
La cicloturistica "Vaca mora"
La tratta Piovene Rocchette - Asiago

 

 

“Vaca mora” era il termine popolare con cui veniva chiamato il trenino a vapore che si arrampicava sbuffando dalla pianura vicentina fin sull’Altopiano di Asiago; più in generale il termine andò ad identificare i treni a vapore di montagna, alcuni dotati di cremagliera.

 

Una curiosità che potrebbe spiegare un appellativo così singolare come “vaca mora” viene raccontata da Chiericato e Gasparella nel loro libro1: nel secondo dopoguerra, era consuetudine che i mariti facoltosi mandassero le consorti in villeggiatura ad Asiago per trascorrere le famose settimane bianche. I mariti, impegnati nel loro lavoro, rimanevano però a casa, così “affidavano” le loro gentili signore ai maestri di sci perché imparassero questa attività di svago. Quando i sabati successivi i mariti salivano in treno all’Altopiano per riportare a casa le mogli, qualche ferroviere burlone si inventò di porre una traversina in ferro sul fumaiolo della locomotiva; in questo modo il fumo, uscendo, si biforcava a mò di corna…

 

Il tratto di ferrovia tra le stazioni di Cogollo e di Campiello della Rocchette-Asiago era provvisto di cremagliera per far superare al treno un dislivello di quasi 700 metri in poco più di 6 Km. Nell’impegnare questo tragitto il treno avanzava con grande fatica e molto lentamente a circa 10 Km/h. Qui “i giovani baldanzosi, volendo far vedere agli amici e alle ragazze il loro coraggio, scendevano dal treno” in movimento, “andavano a raccogliere un fiore e poi di corsa riuscivano a risalire nell’ultima carrozza con il fiatone e consegnavano l’omaggio alla ragazza più bella con un grande inchino” 2.

 

Alla stazione di Schio, nel giorno di Pasqua, i ferrovieri spingevano una carrozza in leggera salita dove si fermava il binario a scartamento ridotto. Lì bloccavano il vagone e fissavano lungo i binari i petardi normalmente utilizzati in caso di nebbia. “Alle 10 circa, quando dal Duomo di San Pietro arrivava il primo scampanìo del Gloria, un ferroviere allentava il freno a mano e lasciava libera la carrozza che scendeva dalla leggera pendenza facendo esplodere i petardi con un fragore udibile in tutta la città”. I bimbi potevano stare seduti entro la carrozza mentre “arrivava lentamente in fondo alla discesa, avvolta dal fumo, tra gli applausi degli scledensi che assistevano quasi ad un rito” 3

 

1 - Chiericato G. e Gasparella G. (1995), Ferrovia a cremagliera Rocchette-Asiago (La più ardita ed alta d’Italia), Asiago, Edizioni Bonomo, p.78

 

2 - ibidem, p.76.

 

3 - Piazza Giuseppe (2008), Con gli occhi di un bambino, Schio, Edizioni Menin, p.132.

 

INNO UFFICIALE DELLA VACAMORA

 


Il fumo, uscendo dal fumaiolo, si, biforca a mò di corna…! Foto Bonomo

 

 


Sciatori nel bosco di Cesuna. Foto Bonomo 

 


Cartolina Vacamora Asiago - Foto Bonomo

 


Ferrovia a cremagliera Rocchette Asiago - Foto Bonomo

 

 
Historic Club Schio  cas. postale 156 - 36015 Schio (Vicenza) info@historic.it - C.F. 92007370247
Segreteria Operativa Schio - Martedi e Mercoledi 9,00/12,00 - Giovedì 15,00/18,30 - Via Veneto 2/C Z.I - Tel./Fax 0445 526758
Uff. di Vicenza c/o ACI Vicenza - Martedi 09,00/16,00 - Via E. Fermi 233 (1° piano) VI - Cell. 348 6359282
Info Tecniche ASI Schio Primo Mercoledi mese 21,00/22,30 Sede Historic Palasport Campagnola
Info Eventi/Raduni - mail: eventi@historic.it
- Per informazioni o disdette il giorno dell'evento - Cell. 348 6359282